Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Entro fine 2017 Schindler sopprimerà 120 posti di lavoro su 200 a Ebikon (LU), nel settore della produzione di componenti. Gli impieghi saranno trasferiti all'estero, indica il fabbricante lucernese di ascensori e scale mobili in una nota odierna.

Il gruppo sottolinea la volontà di avvicinare la produzione all'Asia, dove i mercati sono in forte crescita. Il sito di Ebikon sarà trasformato in un centro di competenze per progetti speciali.

La società precisa che sta lavorando in stretto contatto con i partner sociali per trovare una soluzione soddisfacente. Parte dei tagli possono essere realizzati attraverso fluttuazioni naturali di personale, trasferimenti interni e pensionamenti anticipati.

Licenziamenti non possono tuttavia essere esclusi, nota l'azienda, aggiungendo che è previsto un piano sociale. La società impiega in Svizzera circa 3000 persone e 300 apprendisti. Nel 2015 ha realizzato un fatturato di 9,4 miliardi di franchi, in crescita dell'1,6% sull'arco di un anno. L'utile netto è invece sceso del 17,2% a 747 milioni.

Il sindacato Unia ha reagito con indignazione alla notizia. Schindler provoca una perdita di competenze per l'intera piazza industriale elvetica, commenta in una nota.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS