Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il consigliere federale Johann Schneider-Ammann

KEYSTONE/PETER SCHNEIDER

(sda-ats)

Il Consiglio federale vuole varare nuove misure che dovrebbero contribuire ad abbassare i prezzi in Svizzera e a contenere il fenomeno del "turismo degli acquisti" all'estero.

È quanto ha annunciato oggi, dalle colonne della "Schweiz am Wochenende" il consigliere federale Johann Schneider-Ammann. Se riusciamo a ridurre i costi grazie a condizioni quadro più favorevoli, allora è possibile che scendano anche i prezzi, ha spiegato il ministro dell'economia. Questa, ha aggiunto, "è la ricetta migliore per combattere il turismo degli acquisti".

Il mondo della politica ha due possibilità di intervento per offrire alle aziende condizioni migliori: ridurre la burocrazia e il carico amministrativo ed eliminare, o comunque mantenere a basso livello, gli ostacoli al commercio. Schneider-Ammann nell'intervista non ha fornito dettagli sull'operazione che intende mettere in atto, ma ha affermato che il tema sarà affrontato dal governo nei prossimi mesi.

Schneider-Ammann ha anche affermato che il ministro dell'economia non può imporre ai consumatori di fare gli acquisti in Svizzera e ha mostrato comprensione per le famiglie a basso reddito, che devono contare ogni singolo franco e che cercano di conseguenza l'offerta più conveniente. Facendo la spesa in Svizzera, ha concluso, ognuno può comunque contribuire a mantenere posti di lavoro e benessere.

SDA-ATS