Navigation

Sciaffusa: forsennato con motosega rimane in terapia

La vicenda fece scalpore. Nella foto d'archivio giornalisti attendono notizie il 26 luglio 2017, giorno dell'arresto del forsennato. KEYSTONE/ENNIO LEANZA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 maggio 2020 - 17:07
(Keystone-ATS)

L'uomo di 54 anni che nel luglio 2017 fece irruzione nella filiale di una cassa malattia a Sciaffusa, ferendo due dipendenti con una motosega, rimane in clinica psichiatrica. La corte d'appello ha confermato oggi la misura terapeutica stazionaria.

La corte del Tribunale cantonale sciaffusano ha seguito la richiesta della pubblica accusa che chiedeva di confermare la decisione della prima istanza del settembre 2019. In considerazione della sua non imputabilità il tribunale non ha fissato una pena detentiva, ma lo ha ritenuto colpevole di tentato omicidio intenzionale.

L'uomo, un ex carpentiere che dal 2016 viveva in un bosco all'interno di un furgone, ha raccontato oggi in aula di essere esposto da 20 anni a "energie diaboliche". Nel 1999 aveva subito a causa di un incidente stradale un grave trauma cerebrale. E da allora si sentiva attaccato da "forze maligne" che volevano ucciderlo.

Nel luglio di tre anni fa attaccò con una motosega i due impiegati della filiale dall'assicurazione malattia CCS a Sciaffusa, perché era convinto che le forze negative provenissero da uno di loro. "Ma non volevo ferirlo o ucciderlo, soltanto tenerlo a distanza", ha dichiarato.

Il suo avvocato ha invocato la cosiddetta "legittima difesa putativa", sostenendo che l'imputato - che da più di due anni è ricoverato nel reparto di psichiatria forense della clinica di Rheinau (ZH) - andrebbe giudicato sulla base delle sue convinzioni. Il difensore d'ufficio ha invano chiesto la liberazione del suo assistito e una riparazione morale di 207'000 franchi.

La misura prevista dell'articolo 59 del Codice penale è conosciuta anche come il "piccolo internamento". L'imputato rimarrà quindi nella clinica psichiatrica e la sua situazione dovrà essere riesaminata ogni cinque anni. La perizia psichiatrica ha stabilito che l'uomo soffre di una grave schizofrenia allucinatoria paranoica e che senza una terapia esiste un forte rischio di recidiva.

La vicenda approdata oggi al processo d'appello aveva fatto molto scalpore: il 24 luglio 2017 l'uomo, con precedenti penali per possesso illegale d'armi, entrò nella filiale della CSS, di cui era cliente, e ferì con la motosega due dipendenti, uno dei quali in modo grave.

Il 54enne fu arrestato il giorno successivo a Thalwil (ZH), a circa 60 chilometri di distanza. In una borsa aveva due pistole-balestra e bacchette di legno appuntite. L'uomo riceveva da tempo una rendita di invalidità per l'incidente avuto nel 1999. Per il medesimo incidente aveva chiesto un risarcimento milionario alla CSS.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.