Navigation

Scioglimento ghiacci polari 6 volte più veloce anni '90

Foto simbolica KEYSTONE/AP/FELIPE DANA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 13 marzo 2020 - 13:11
(Keystone-ATS)

I ghiacci dei poli si stanno sciogliendo ad un velocità 6 volte superiore a quella degli anni Novanta. Lo rivela uno studio dell'università britannica di Leeds, che ha esaminato e aggiornato tutte le ricerche più recenti in materia.

La perdita media annuale di ghiaccio in Groenlandia e Antartide negli anni Dieci di questo secolo è stata di 475 miliardi di tonnellate, sei volte gli 81 miliardi di tonnellate all'anno degli anni Novanta del secolo scorso. Dal 1992 al 2017 i due territori hanno perso complessivamente 6.400 miliardi di tonnellate di ghiaccio, il 60% in Groenlandia.

Lo studio rivela che la perdita dei ghiacci riscontrata nei due poli rispecchia lo scenario peggiore fra quelli prospettati dall'Ipcc, il comitato scientifico dell'Onu sul riscaldamento globale. I ricercatori di Leeds prevedono che, quando i dati definitivi saranno disponibili, il 2019 si rivelerà l'anno con il maggior scioglimento di ghiacci polari da quando esistono le rilevazioni, superando il record del 2010.

L'Ipcc prevede al 2100 un innalzamento del livello dei mari di 53 centimetri, se non verrà fermato il cambiamento climatico, con 360 milioni di abitanti di zone costiere danneggiati. Ma la ricerca dell'Università di Leeds prevede al 2100 un innalzamento di 70 centimetri, con 400 milioni di persone colpite.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.