Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Manifestazioni e scontri a Charlottesville

KEYSTONE/AP The Daily Progress/RYAN M. KELLY

(sda-ats)

Tafferugli, fumogeni e 23 arresti a Charlottesville, Virginia, dove una cinquantina di membri del Ku Klux Klan che protestavano contro la rimozione della statua del generale sudista Robert Lee sono stati affrontati da centinaia di contro manifestanti.

I membri del Ku Klux Klan, provenienti dalla Carolina del nord, erano armati (lo consente la legge statale), indossavano gli abiti tradizionali e portavano bandiere confederali, esibendo anche slogan antisemiti e gridando "potere bianco''. La polizia è riuscita inizialmente a tenere divise le due fazioni ma poi c'è stato qualche scontro. Gli agenti hanno dovuto scortare gli esponenti del Kkk alle loro auto e disperdere poi i contromanifestanti con i lacrimogeni. Non e' dato sapere se gli arrestati appartengano ad uno o ad entrambi i gruppi.

Charlotteville è una città universitaria a maggioranza democratica. In aprile il consiglio comunale aveva deciso di rimuovere la statua, una dei tanti simboli confederali che gran parte degli americani considerano razzisti, moltiplicando le procedure per toglierli o farli sparire dagli edifici pubblici. Ma chi si rifà ai suprematisti bianchi o alla Alt-right (la destra alternativa) ha trovato un motivo di mobilitazione nella difesa dei monumenti e delle bandiere della Confederazione. E dopo l'elezione di Trump si sente più incoraggiato a scendere in campo apertamente.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS