Navigation

Scozzese dopo ictus parla con accento italiano

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 settembre 2011 - 16:32
(Keystone-ATS)

È scozzese, non è mai stata in Italia, ma dopo un ictus parla con accento italiano. È questo il bizzarro caso - riportato dal britannico Daily Mail - di una 48enne di Glasgow che dopo l'ischemia sofferta nel novembre scorso, che l'aveva privata completamente della capacità di parlare per qualche settimana, ha iniziato a parlare prima con accento cinese e poi con quello italiano.

Debbie McCann, questo il suo nome, è ora una delle 60 persone al mondo affette dalla 'sindrome da accento straniero' che colpisce persone vittime di traumi cerebrali, ictus o emicranie. A causa della sindrome, la McCann non sa più scrivere in inglese corretto e ora segue una terapia del linguaggio nella speranza di riacquistare la vecchia voce.

"Ora mi imbarazza parlare con gli altri. Non mi piace parlare al telefono. Quando ho chiamato l'ufficio di collocamento per iscrivermi per il sussidio di disabilità, l'operatrice mi ha chiesto di dov'ero. Ho detto Glasgow e lei mi ha detto: "Sì, ma in origine da dove viene? Le ho dovuto spiegare cosa avevo", ha detto la donna al giornale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?