Navigation

Scrittrice Asli Erdogan assolta da accusa terrorismo

Il processo è stato contestato dai difensori dei diritti umani. KEYSTONE/DPA-Zentralbild/SEBASTIAN WILLNOW sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 14 febbraio 2020 - 12:50
(Keystone-ATS)

Un tribunale di Istanbul ha assolto dall'accusa di associazione terroristica" e attentato all'integrità dello Stato turco la nota scrittrice Asli Erdogan, che oggi vive in auto-esilio in Germania.

La sentenza è giunta al termine di un processo molto contestato dagli osservatori internazionali e dalle organizzazioni per la libertà d'espressione. Altri due imputati sono stati assolti, mentre sono state stralciate le posizioni di altri sei.

Erdogan, che non ha rapporti di parentela con l'omonimo presidente turco, era stata in passato editorialista del quotidiano filo-curdo Ozgur Gundem, chiuso per decreto governativo durante lo stato d'emergenza imposto dopo il fallito golpe del 15 luglio 2016.

La scrittrice, le cui opere sono tradotte in numerose lingue, tra cui anche l'italiano, trascorse oltre 4 mesi in carcerazione preventiva nella repressione seguita al tentativo di putsch.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.