Navigation

Seconda serata di proteste e tafferugli a Minneapolis

Resta alta la tensione in città. KEYSTONE/EPA/CRAIG LASSIG sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 maggio 2020 - 08:46
(Keystone-ATS)

Sassi e bottiglie contro la polizia e alcuni negozi saccheggiati nella seconda serata di proteste a Minneapolis, con anche un morto.

Centinaia di persone hanno manifestato davanti al commissariato a cui appartenevano i quattro agenti licenziati e accusati di aver ucciso George Floyd.

Altre centinaia di persone si sono ritrovate davanti all'abitazione del poliziotto immortalato in un video in cui si vede che soffoca Floyd, afroamericano di 46 anni, premendo sul suo collo con un ginocchio.

Secondo quanto riferiscono diversi media americani, fra cui il New York Post, un presunto saccheggiatore è stato ucciso a colpi d'arma da fuoco davanti a un banco dei pegni dal proprietario del negozio.

Sui social e sui media circolano immagini di diversi episodi di saccheggio e incendio di negozi e supermercati. In uno di questi si vede una donna anziana in sedia a rotelle che cerca di fermare i saccheggiatori e viene investita dal getto di un estintore.

La polizia si è schierata in tenuta antisommossa e ha minacciato il lancio di gas lacrimogeni e l'uso di proiettili di gomma come la sera prima. Il capo della polizia ha lanciato un appello invitando i manifestanti ad esprimere la propria rabbia e le proprie ragioni in maniera pacifica, ma alcuni negozi sono stati saccheggiati, con diverse persone fuggite con televisori, capi di abbigliamento e generi alimentari.

La folla davanti al commissariato e quella davanti alla casa del poliziotto che ha soffocato George Floyd ha intonato incessantemente slogan chiedendo il carcere per gli agenti coinvolti e protestando per il fatto che siano ancora a piede libero, anche se licenziati in tronco. I muri davanti la casa dell'agente nel mirino, Derek Chauvin, sono stati riempiti con le scritte "killer" e "assassino".

Dal canto suo, Donald Trump ha chiesto al Dipartimento di Giustizia e all'Fbi di accelerare le indagini sulla morte di Floyd. "Giustizia sarà fatta!" ha twittato, definendo l'episodio "molto triste e tragico".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.