Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Segreteria di Stato della migrazione riaprirà da lunedì 27 luglio fino a metà ottobre il centro per richiedenti asilo sul passo del Lucomagno, in territorio del comune grigionese di Medel/Lucmagn.

Nell'ex accantonamento militare dovrebbero essere ospitati da 70 a 80 uomini. La durata massima di soggiorno nell'alloggiamento in gran parte sotterraneo non dovrebbe superare le cinque settimane, ha indicato all'ats Martin Reichlin, portavoce della SEM.

I dettagli sulla riapertura sono stati resi noti negli ultimi giorni dal Municipio del confinante comune di Blenio, che ha studiato con i comuni grigionesi di Medel e Disentis un programma specifico di lavori pubblici da affidare ai profughi, secondo notizie della stampa ticinese.

L'accantonamento era già stato utilizzato per quasi cinque mesi nel 2013. "L'attività dell'alloggio federale non ha provocato grandi problemi. Il Comune ha apprezzato il lavoro fornito dai richiedenti l'asilo", aveva scritto l'allora Ufficio federale della migrazione il 22 ottobre, pochi giorni dopo la chiusura. La struttura aveva allora ospitato poco più di 50 richiedenti, che già avevano contribuito a lavori di utilità pubblica, sistemando sentieri e curando pascoli e boschi.

Per far fronte al forte afflusso di richiedenti, Confederazione, Cantoni e Comuni hanno aperto diverse strutture d'emergenza per alloggiarli. Finora i nuovi arrivati hanno potuto essere ripartiti "nel rispetto delle prescrizioni legali", ha indicato questa settimana la SEM pubblicando la sua statistica semestrale.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS