Navigation

Segreto bancario: PS vuole allentamento, condizioni per accordo Usa

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 settembre 2011 - 13:02
(Keystone-ATS)

Il PS esige un nuovo allentamento del segreto bancario e pone condizioni riguardo a una soluzione della nuova vertenza con gli Stati Uniti.

Durante la corrente sessione parlamentare il partito approverà un eventuale complemento all'accordo fiscale con gli Usa - che potrebbe permettere la consegna di informazioni riguardo a gruppi di contribuenti sospettati di evasione fiscale anche senza che siano forniti nomi e indirizzi - solo se questo approccio verrà garantito pure a tutti gli altri stati. "Altrimenti non daremo il nostro voto", ha affermato il presidente Christian Levrat in una intervista alla "SonntagsZeitung".

"Vogliamo trasparenza", ha aggiunto il consigliere nazionale friburghese. "La Svizzera sta abbandonando il segreto bancario. Questo bisogna dirlo chiaramente e organizzare una ritirata ordinata. Se la destra ha imparato anche solo poco dalla crisi finanziaria deve sostenerci. Le banche commettono gravi abusi. Dobbiamo ora intervenire per impedirlo".

"È necessaria una coerente strategia del denaro pulito", ha proseguito Levrat. Il PS non è più intenzionato a sostenere adattamenti che fanno a pugni con l'ordinamento giuridico svizzero solo per proteggere questa o quella banca.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?