Sei palestinesi, tra cui una donna, sono stati uccisi nella notte in due differenti raid aerei israeliani sulla Striscia di Gaza. Cinque i morti e 15 i feriti a Rafah, dove è stata colpita la casa di un militante della Jihad islamica. L'altra persona, di 33 anni, è stata uccisa in un attacco sulla città di Gaza, nel quartiere di Tel el-Hawa. Dall'inizio dell'offensiva israeliana sono state uccise oltre 95 persone. Secondo l'esercito israeliano il sistema anti missile Iron Dome ha intercettato da Gaza 44 razzi su un totale di 184.

"Hamas è pronto a combattere per mesi": è l'avvertimento giunto la scorsa notte da Mahmud a-Zahar, dirigente di Hamas, in un'intervista telefonica ad una emittente di Gaza. Un cessate il fuoco, ha aggiunto, dovrà rispettare le condizioni di Hamas come la rimozione del blocco di Gaza e la liberazione dei detenuti arrestati il mese scorso."Stiamo scrivendo una nuova pagina, e il nemico dovrà sottoscriverla", ha detto il dirigente di Hamas, specificando che un eventuale cessate il fuoco dovrà rispettare le condizioni imposte da Hamas: fra queste, la rimozione del blocco di Gaza e la liberazione dei suoi membri arrestati il mese scorso in Cisgiordania

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.