Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

A seguito della vicenda di "selfie a luci rosse" rivelata ieri dalla stampa, il Municipo di Baden ha esonerato temporaneamente il sindaco Geri Müller dalle sue funzioni direttive e di rappresentanza. La decisione è stata presa di comune accordo con l'interessato per consentire a Müller, che è pure consigliere nazionale dei Verdi, di concentrarsi sul chiarimento della sua situazione personale, indica una nota diramata stamane.

Nel comunicato il Municipio sottolinea che vige sempre la presunzione di innocenza. I compiti del sindaco verranno svolti momentaneamente dal suo vice Markus Schneider.

Secondo il domenicale "Schweiz am Sonntag" Müller avrebbe inviato ad una ragazza bernese di 21 anni fotografie - scattate nel suo ufficio - in cui appare nudo. In una presa di posizione inviata tramite il suo avvocato Andreas Meili, il consigliere nazionale ha ammesso di aver avuto una relazione tramite chat. Il sindaco e deputato sostiene che la donna "ha esercitato una enorme pressione nei miei confronti minacciando di divulgare alla stampa e a terze persone elementi di carattere privato per farmi del male".

Il sindaco ha anche fatto autocritica: "devo rimproverarmi, credevo che elementi privati sarebbero rimasti privati", ha sottolineato. Müller non ammette tuttavia di aver inviato immagini in cui appare nudo.

Secondo il domenicale la ragazza è stata fermata e interrogata la scorsa settimana, fatto confermato dal portavoce della polizia argoviese Roland Pfister. Al momento non è stato aperto alcun procedimento penale e lei non ha sporto denuncia. Müller ha affermato di aver chiamato lui stesso la polizia dopo che la donna ha minacciato di suicidarsi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS