Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il premier serbo Aleksandar Vucic, largo vincitore delle presidenziali del 2 aprile scorso, è poco apprezzato da giovani e studenti.

Keystone/EPA/KOCA SULEJMANOVIC

(sda-ats)

Alcune centinaia di persone hanno manifestato anche questa sera a Belgrado contro la "dittatura" del premier serbo Aleksandar Vucic, largo vincitore delle presidenziali del 2 aprile scorso. Vucic è accusato di autoritarismo e di ferreo controllo sui media.

Per questo i manifestanti chiedono le dimissioni sue e del governo, insieme a quelle della commissione elettorale e dei vertici della tv pubblica RTS.

Le proteste, che vedono protagonisti in larga parte giovani e studenti, sono cominciate il 3 aprile, all'indomani della vittoria elettorale di Vucic, ritenuta non regolare dai dimostranti il cui numero tuttavia si è notevolmente ridotto negli ultimi giorni.

Oggi la protesta si è svolta unitamente a un corteo di studiosi e ricercatori organizzato in occasione della Giornata della Terra. Una manifestazione anti-Vucic si è svolta in serata anche a Novi Sad, seconda città serba nel nord del Paese.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS