Navigation

Serbia: proteste contro arrivo Hillary Clinton a Belgrado

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 ottobre 2012 - 21:42
(Keystone-ATS)

Le organizzazioni della destra nazionalista serba hanno organizzato, questa sera nel centro di Belgrado, una protesta contro l'arrivo della segretaria di Stato americana Hillary Clinton in Serbia.

La protesta, finita senza incidenti, ha visto la partecipazione di un centinaio di persone con le bandiere del movimento, bandiere statali e manifesti con la scritta "Giù le mani! Il Kosovo è Serbia". Gli oratori hanno detto che Clinton "non è benvenuta a Belgrado a causa del ruolo degli Stati Uniti "nel sequestro del Kosovo dalla Serbia".

Il Partito radicale serbo, il cui leader Vojislav Seselj è sotto processo all'Aia per crimini di guerra, ha invitato "tutti i patrioti" a un raduno davanti alla presidenza serba per protestare contro l'arrivo di Segretario di Hillary Clinton e di Catherine Ashton.

Clinton è attesa da un tour balcanico che la porterà in Bosnia, in Serbia, in Kosovo e in Albania (oltre che in Croazia) con l'obiettivo di promuovere l'integrazione euro-atlantica di questi Paesi.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?