Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La partecipazione di militari o rappresentanti stranieri alla parata militare che si terrà a Zagabria il 4 agosto per celebrare il 20esimo anniversario dell'Operazione Tempesta contro le forze serbe nella guerra del 1991-1995 verrà considerato un insulto alla Serbia.

Lo ha detto oggi il premier serbo Aleksandar Vucic. "Noi pensiamo che non vi sia nulla da celebrare in quel giorno", ha osservato Vucic parlando in una conferenza stampa insieme al leader serbo-bosniaco Milorad Dodik. Nell'Operazione Tempesta migliaia di serbi furono uccisi e altri 230 mila furono espulsi dai territori croati. La guerra serbo-croata, che provocò oltre 20 mila morti, scoppiò dopo che Zagabria proclamò nel 1991 l'indipendenza dalla Federazione jugoslava.

Ieri il ministro degli esteri Ivica Dacic aveva ringraziato i paesi che finora hanno deciso di non inviare propri rappresentanti alla parata di Zagabria. Fra essi Italia, Usa, Germania, Gran Bretagna, Ungheria e Romania. Nelle ultime ore anche la Slovenia ha deciso di disertare la parata militare in Croazia.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS