Navigation

Sessione giovani: chiusa 20esima edizione, accolte varie petizioni

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 settembre 2011 - 17:40
(Keystone-ATS)

La 20esima edizione della sessione dei giovani a Palazzo federale ha chiuso oggi i battenti con l'adozione di una serie di petizioni e la consegna del Prix Jeunesse al 51enne consigliere nazionale Luc Barthassat (PPD/GE), onorato per il suo impegno a favore dei sans papiers minorenni.

Barthassat si è battuto affinché i giovani senza documenti possano accedere a un apprendistato, ha spiegato in una conferenza stampa a Berna Geo Taglioni, responsabile della sessione.

Nei quattro giorni di dibattiti i giovani hanno adottato una serie di petizioni, trasmesse oggi al presidente del Consiglio nazionale Jean-René Germanier (PLR/VS), che a sua volta le recapiterà alle competenti commissioni parlamentari.

Uno dei testi chiede che in futuro i media non possano riferire nazionalità, religione ed etnia di persone coinvolte in delitti, a meno che le stesse non abbiano fornito esplicitamente il loro consenso.

Ai lavori hanno partecipato anche due consiglieri federali: la direttrice del Dipartimento federale di giustizia e polizia Simonetta Sommaruga, che si è rivolta i giovani ieri all'apertura della sessione plenaria, e il capo del Dipartimento federale dell'economia Johann Schneider-Ammann.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?