Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

GINEVRA - Gli esperti del Comitato diritti umani dell'Onu hanno oggi severamente criticato Israele ed esortato il Paese a revocare il blocco della Striscia di Gaza, rinunciare alle esecuzioni extragiudiziali di presunti terroristi e condurre indagini credibili nei confronti delle forze armate e sicurezza.
Nelle loro conclusioni rese note a Ginevra, i 18 esperti chiedono un'indagine internazionale sull'assalto alla nave di aiuti diretta a Gaza il 31 maggio scorso ed un'inchiesta "credibile e indipendente" sulle gravi violazioni dei diritti umani in occasione dell'offensiva 'Piombo fusò del gennaio 2009.
Il Comitato, che esamina a turno la situazione in tutti i Paesi firmatari del Patto internazionale sui diritti civili e politici, denuncia la pratica delle esecuzioni extragiudiziali di presunti terroristi. Dal 2003 le forze armate hanno eseguito 184 esecuzioni mirate di individui nella Striscia di Gaza, risultate nel decesso collaterale non intenzionale di altri 155 individui, affermano gli esperti che deplorano inoltre l'assenza nella legislazione di Israele del crimine di tortura, così come è definito negli strumenti internazionali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS