Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

SAN GALLO - Il tribunale distrettuale della Rheintal sangallese ha condannato oggi un contadino 52enne a 16 anni di reclusione per aver ucciso la moglie nel 2008 a Oberriet (SG) colpendola più volte alla testa con un pezzo di legno da ardere.
L'uomo, che viveva separato dalla consorte, aveva agito dopo aver saputo che la donna aveva un nuovo compagno. È stato riconosciuto colpevole di assassinio e dovrà accollarsi 100'000 franchi di spese procedurali, più i risarcimenti per i figli e i suoceri. Una volta scontata la pena potrebbe inoltre essere sottoposto alla misura dell'internamento.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS