Navigation

SG: 80enne uccise 86enne in ospedale, accordo extragiudiziale

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 settembre 2011 - 17:48
(Keystone-ATS)

Niente processo, ma un accordo extragiudiziale, per l'uomo di 80 anni che lo scorso mese di maggio, in un maldestro tentativo di suicidio, aveva ferito mortalmente con un colpo di pistola un 86enne che si trovava nella stessa camera dell'ospedale di Uznach (AG).

La procura di Uznach ha reso noto oggi che l'inchiesta contro l'80enne è stata archiviata. Ieri l'accusato e i congiunti della vittima, monaci di un convento benedettino, hanno raggiunto un accordo extragiudiziale. Lo sparatore verserà una riparazione alla comunità religiosa.

Pur riconoscendo che la colpevolezza dell'autore del delitto sia stata dimostrata, il procuratore non ha ritenuto necessario di portarlo in tribunale. L'uomo è reo confesso e ha fatto tutto il possibile per compensare il torto di cui si è reso responsabile. Anche se si fosse arrivati al processo, non si sarebbe potuti andare oltre ad una condanna con la condizionale, scrive il procuratore nella nota.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?