Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un allevatore di maiali è stato condannato dal Tribunale cantonale di San Gallo a 14 mesi sospesi per truffa per mestiere.

KEYSTONE/WALTER BIERI

(sda-ats)

Il Tribunale cantonale di San Gallo ha riconosciuto un allevatore di maiali colpevole di truffa per mestiere. Il 49enne ha venduto oltre 9000 animali col marchio GQ-Carne Svizzera, malgrado i capi non provenissero da allevamenti certificati.

La corte ha pure condannato il contadino, attivo nella piana della Linth, tra i laghi di Zurigo e Walensee, per istigazione alla falsità in documenti e maltrattamento di animali. Ha pronunciato una pena privativa della libertà di quattordici mesi e una multa, entrambe sospese condizionalmente. Contro la sentenza può ancora essere inoltrato un ricorso.

In prima istanza la condanna era stata più mite: il Tribunale distrettuale di See-Gaster nell'autunno del 2015 aveva riconosciuto l'uomo colpevole di maltrattamento di animali e lo aveva assolto dai due altri capi d'imputazione. La procura aveva chiesto una pena di tre anni e mezzo da scontare.

Davanti alla corte cantonale l'uomo ha sostenuto che i maiali con la GQ (garanzia qualità) provenivano tutti da una delle sue tre aziende certificate. Al che il ministero pubblico ha rimproverato all'allevatore disinformazione e persino "bugie". La difesa ha chiesto l'assoluzione sostenendo che mancassero le prove dei reati contestati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS