Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Ded Gecaj, il kosovaro che nel 1999 uccise a San Gallo l'insegnante di sua figlia, è stato estradato in Svizzera. Il 52enne è giunto nel pomeriggio proveniente dal Kosovo ed è già stato consegnato al ministero pubblico sangallese, informa un comunicato dell'Ufficio federale di giustizia (UFG).
Gecaj è stato arrestato alla metà di maggio nella sua abitazione. Lo scorso aprile il tribunale supremo del Kosovo aveva dato il via libera all'estradizione: dal 2005 i procuratori sangallesi chiedono di processarlo per l'uccisione del docente Paul Spirig e per gli abusi sessuali che avrebbe commesso sulla figlia allora 14enne.
L'omicidio, avvenuto l'11 gennaio 1999, provocò un'ondata di emozione in Svizzera. L'insegnante, noto per l'impegno in favore dell'integrazione degli stranieri, fu abbattuto con numerosi colpi di pistola da Gecaj, che dopo il fatto di sangue fuggì in Kosovo, sua terra d'origine.
Al processo celebrato in Serbia l'imputato confessò l'uccisione, qualificandola però come delitto d'onore: Gecaj ha infatti sostenuto che Spirig abusava della figlia. Una versione dei fatti completamente opposta a quanto venuto alla luce durante le indagini della polizia di San Gallo: gli inquirenti sostengono fra l'altro Gecaj avesse pesantemente minacciato la ragazza affinché accusasse il suo insegnate di molestie.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS