Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Si è ripetuto oggi alle 20:04 il prodigio dello scioglimento del sangue di San Gennaro. Si tratta del cosiddetto 'miracolo' di maggio.

È avvenuto, come di consueto, nella Basilica di Santa Chiara a Napoli dopo che le ampolle erano state portate in processione dal Duomo lungo le strade del centro antico. L'annuncio è stato dato dal cardinale Crescenzio Sepe che subito dopo ha offerto le ampolle al bacio dei fedeli.

La teca contenente il sangue è stata prelevata dalla cassaforte della Cappella del Tesoro; il sangue era ancora solido. Poi la teca, insieme con 17 statue dei compatroni di Napoli (sono in tutto 52), è stata condotta in processione lungo le strade del centro, attraversando anche, come ormai avviene da qualche anno, le vie di Forcella.

Il miracolo si è ripetuto al termine della messa. Il cardinale Sepe ha notato che era ancora solido ed ha invitato i fedeli a pregare. Poi la liquefazione che è stata annunciata con lo sventolio di un fazzoletto bianco. Nella basilica di Santa Chiara c'è stato quindi un lungo applauso mentre il cardinale Sepe ha detto: "San Gennaro non ci abbandona mai".

Il miracolo di San Gennaro avviene tre volte l'anno: il 19 settembre nel giorno della ricorrenza di San Gennaro, il sabato che precede la prima domenica di maggio (per ricordare la traslazione delle reliquie da Montevergine a Napoli) ed il 16 dicembre.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS