Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Commissione della concorrenza (COMCO) ha dato ieri il via libera, senza condizioni, al rilevamento del controllo di Sika, il gruppo svizzero di specialità chimiche, da parte del gruppo francese Saint-Gobain.

L'operazione aveva già ottenuto il benestare della Commissione europea lo scorso luglio.

Secondo la COMCO, non vi sono indizi che l'operazione possa creare o rafforzare una posizione dominante, ha indicato all'ats il suo portavoce Patrick Ducrey.

A dicembre Saint-Gobain aveva proposto 2,75 miliardi di franchi a cinque eredi del fondatore di Sika per rilevare le loro quote, che ammontano al 16,1% del capitale ma rappresentano il 52,4% dei diritti di voto della società.

La vicenda era finita in tribunale. Nei giorni scorsi il Tribunale amministrativo federale (TAF) di San Gallo ha respinto il ricorso della Bill & Melinda Gates Foundation Trust e Cascade Investments, azionisti di Sika, confermando in ultima istanza la validità della cosiddetta "clausola di opting-out" del gruppo elvetico. Sant-Gobain non ha nessun obbligo di presentare un'offerta pubblica di acquisto per l'acquisizione delle azioni della holding Schenker-Winkler (SWH).

In un comunicato Saint-Gobain si era detta soddisfatta della decisione che permette al colosso francese di rilevare una quota determinante di Sika senza lanciare un'offerta pubblica di acquisto (opa). E anche ieri sera, dopo la decisione della COMCO, non ha nascosto in un comunicato la sua soddisfazione.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS