Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La consigliera federale Simonetta Sommaruga

KEYSTONE/ANTHONY ANEX

(sda-ats)

La consigliera federale Simonetta Sommaruga si dice favorevole all'elezione in governo di due donne, dopo le dimissioni annunciate la settimana scorsa da Johann-Schneider Ammann e Doris Leuthard.

In dichiarazioni rilasciate al "Tages-Anzeiger", la ministra di giustizia e polizia afferma che le donne rappresentano oltre la metà della popolazione svizzera, una realtà che deve riflettersi nella composizione del governo.

Oggi le donne sono solo due su sette e la questione femminile potrebbe quindi influenzare profondamente l'elezione dei due nuovi consiglieri federali prevista durante la sessione invernale del parlamento.

Non si tratta di decidere se le donne siano migliori o peggiori degli uomini, afferma Simonetta Sommaruga: si tratta di fare in modo che il governo rappresenti la popolazione elvetica. E qualora in dicembre non venisse eletta nessuna donna? "Mi auguro proprio di no, per il nostro Paese non sarebbe una buona cosa".

Quanto a una possibile diversa distribuzione dei vari dipartimenti, la consigliera federale non si pronuncia, affermando che è ancora troppo presto.

Finora sono sette le donne elette in governo, che per un breve periodo ha anche registrato una maggioranza femminile: tra l'entrata in carica di Sommaruga nel novembre del 2010 e le dimissioni di Micheline Calmy-Rey alla fine del 2011 le donne in Consiglio federale sono infatti state quattro.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS