Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La consigliera federale Simonetta Sommaruga ha difeso oggi davanti ai delegati del Partito socialista svizzero (PS) riuniti a La Chaux-de-Fonds (NE) la revisione della Legge sull'asilo, perché è convinta che la riforma migliorerà la situazione dei richiedenti.

Questa revisione, in votazione il 5 giugno, deve permettere di accelerare le procedure grazie al raggruppamento di tutti gli attori in grandi centri federali. Prevede anche una protezione giuridica gratuita e completa per i candidati all'asilo.

"Le revisioni della legge sull'asilo degli ultimi anni e degli ultimi decenni andavano sempre in un solo senso: un indurimento", ha affermato la consigliera federale. Ritiene che ciò non sia il caso per il nuovo testo.

Per Simonetta Sommaruga, il nuovo sistema non è solo più efficace, ma anche più umano grazie alla presenza di un avvocato che rappresenta i diritti dei richiedenti. "Dire no alla legge è dire no anche ai suoi miglioramenti", ha dichiarato ai delegati che devono decidere la parola d'ordine.

Parlando della situazione in Europa, la responsabile del Dipartimento federale di giustizia e polizia ritiene che le chiusure unilaterali delle frontiere "non ci fanno avanzare".

La bernese ha invitato i militanti a sostenere la legge sulla sorveglianza delle comunicazioni e quindi a non associarsi al referendum. "Non si tratta di sorvegliare cittadini che non hanno niente da rimproverarsi, si tratta della repressione di attività criminali", ha spiegato .

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS