Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La consigliera federale Simonetta Sommmaruga

KEYSTONE/PETER SCHNEIDER

(sda-ats)

Simonetta Sommaruga si reca oggi in Tunisia, dove incontrerà autorità e rappresentanti della società civile. La consigliera federale visiterà inoltre centri di accoglienza e consulenza per migranti nonché progetti di cooperazione sostenuti dalla Svizzera.

La visita della responsabile del Dipartimento di giustizia e polizia costituirà un'occasione per stilare un bilancio del partenariato migratorio concluso con Tunisi cinque anni fa all'indomani della Rivoluzione dei gelsomini, che aveva provocato un'ondata di richieste d'asilo da parte di giovani tunisini.

Per arginare il fenomeno i due paesi hanno avviato un programma di cooperazione volto a incoraggiare il rimpatrio e a sostenere corsi di formazione professionale in Tunisia. Cifre ufficiali indicano che oltre 1600 richiedenti asilo tunisini hanno così potuto tornare nel loro paese.

Simonetta Sommaruga avrà colloqui con diversi ministri con l'obiettivo di intensificare la collaborazione bilaterale in materia di sicurezza, lotta al terrorismo e contrasto del traffico di esseri umani e di droga.

Visiterà inoltre diversi enti con sede in Tunisia, ma attivi nella vicina Libia, tra cui l'Organizzazione internazionale per la migrazione (OIM) e l'Alto commissariato dell'ONU per i rifugiati. Previsto anche un incontro con un gruppo di guardacoste libici che seguono un corso di formazione in Tunisia.

Mercoledì la consigliera federale sarà in Niger, nazione in via di sviluppo diventata un'importante tappa intermedia per la maggior parte dei migranti in arrivo dall'Africa occidentale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS