Navigation

Sindacato svizzero deplora, dipendenti Easyjet sotto shock

A Ginevra Easyjet è un attore di primo piano. KEYSTONE/LAURENT GILLIERON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 maggio 2020 - 18:00
(Keystone-ATS)

Il Sindacato dei servizi pubblici (VPOD/SSP) deplora il "brutale annuncio" della soppressione di impieghi da parte di Easyjet, pronunciato - si critica - prima di consultare il personale.

"Vedo le reazioni dei dipendenti Easyjet con cui sono in contatto sulle reti sociali, la gente è sotto shock", afferma Jamshid Pouranpir, segretario sindacale presso la sezione ginevrina, in dichiarazioni riportate dall'agenzia Awp.

In qualità di partner sociale dell'azienda nell'ambito di un contratto collettivo di lavoro VPOD/SSP chiede che si svolgano al più presto trattative per elaborare un piano sociale a vantaggio dei dipendenti interessati. "Ci saranno licenziamenti", si dice convinto Pouranpir, che ammette peraltro che le compagnie aeree si trovano in una situazione difficile.

In Svizzera il vettore aeronautico a basso costo non ha ricevuto alcun aiuto pubblico per superare le difficoltà legate alla pandemia di Covid-19. Alla fine di aprile la filiale elvetica di Easyjet ha tuttavia esortato la Confederazione a stimolare la domanda di trasporto aereo, in particolare annullando temporaneamente le tasse per il settore o abbassando i balzelli aeroportuali.

Il gruppo britannico ha annunciato in mattinata la soppressione di 4500 posti di lavoro, ovvero di quasi un terzo del suo organico, per far fronte allo shock della pandemia di coronavirus. La compagnia aerea intende preservare le proprie finanze e adattarsi al calo del traffico aereo nel lungo periodo. Un portavoce ha fatto sapere che l'impatto di queste misure sulla Svizzera è ancora incerto. Easyjet è la principale compagnia attiva a Ginevra, con una quota di mercato del 45%.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.