Navigation

Sirene anti aereo, paura a Shanghai, ma è esercitazione

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 settembre 2011 - 15:28
(Keystone-ATS)

Momenti di paura oggi a Shanghai per una esercitazione militare che, pur essendo stata annunciata dalle autorità, non era a conoscenza di molti cittadini. Intorno alle 12 ora locale le sirene sono risuonate forti in tutta la capitale economica cinese, facendo scendere per strada diverse persone che temevano qualcosa di grave. L

e autorità cittadine, per celebrare il giorno della sicurezza nazionale di difesa, hanno messo in funzione tutte le sirene dell'allarme attacco aereo, escludendo solo i due aeroporti cittadini. Ventotto minuti nelle quali la rumorosa città cinese è rimasta in silenzio sotto il suono prolungato delle sirene anti bombardamento aereo, interrotte di tanto in tanto da suoni più brevi. L'informativa dell'esercitazione era stata diffusa in tutta la città, centri commerciali ed anche alle rappresentanze diplomatiche, ma molti dei 23 milioni di abitanti di Shanghai non sapevano nulla e si sono spaventati. Anche perchè nei giorni scorsi la capitale economica cinese è stata al centro di una esercitazione delle teste di cuoio dell'esercito di Pechino. Elicotteri e mezzi sia terrestri che acquatici hanno attraversato Shanghai portando a bordo militari equipaggiati di tutto punto.

Quella di questi giorni, è stata la più grande esercitazione delle teste di cuoio nella città di Shanghai e in altre città cinesi, con l'intento di scongiurare un attacco terroristico. Al centro delle esercitazioni, anche il dirottamento di autobus da parte di terroristi o quello di imbarcazioni. Alcune teste di cuoio hanno anche effettuato esercitazioni su alcuni famosi grattacieli della città e per molti, sia locali che turisti, è stato come vivere un film.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?