Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Siria: 13'000 giustiziati in carcere? Mosca, "provocazione"

Vista aerea del famigerato carcere di Saydnaya.

Keystone/EPA AMENSTY INTERNATIONAL/AMENSTY INTERNATIONAL / FORENSIC ARCHITECTURE HANDOUT

(sda-ats)

La Russia bolla come "un'altra deliberata provocazione" il rapporto pubblicato da Amnesty International secondo cui in cinque anni, tra il 2011 e il 2015, 13'000 persone sono state giustiziate nella prigione di Saydnaya su ordine delle autorità di Damasco.

"È un peccato - ha detto la portavoce del ministero degli esteri russo, Maria Zakharova - che" il rapporto di Amnesty International "arrivi in un momento cruciale per la soluzione della crisi siriana. Infatti - ha proseguito - questa è solo un'altra deliberata provocazione mirata a versare benzina sul fuoco del conflitto siriano che si affievolisce e ad aumentare ancora le tensioni e far sì che le persone in Siria si odino ancora di più".

La Russia è un alleato del governo di Damasco. Nel rapporto, basato su interviste a 31 ex carcerati e oltre 50 funzionari, Amnesty sottolinea che le esecuzioni sono state autorizzate da alti funzionari, inclusi i vicepresidenti di Bashar al-Assad, e che nel carcere di Saydnaya, detto "il mattatoio", gruppi di 20-50 persone venivano impiccati una o due volte alla settimana.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.