Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Guardiani delle Rivoluzione iraniani.

/EPA/ABEDIN TAHERKENAREH

(sda-ats)

Tredici militari iraniani sono stati uccisi e 21 feriti, alcuni in modo grave, in uno scontro con jihadisti oggi in Siria: lo riferiscono i media iraniani.

Si tratterebbe della perdita di vite umane più grave, in un singolo episodio, sofferta finora dalle forze della Repubblica Islamica che combattono a fianco dell'esercito regolare del presidente Assad.

La strage di iraniani è avvenuta a Sud di Aleppo - in una battaglia contro gruppi di militanti di al Qaida, riferiscono i media iraniani - proprio mentre uno stretto collaboratore della Guida Suprema incontrava stamane a Damasco il presidente Bashar al-Assad per ribadire che la Repubblica Islamica si impegnerà con tutte le sue capacità per contrastare "il terrorismo" in Siria e nella regione.

In un lungo colloquio con Assad, l'iraniano Ali Abkar Velayati ha lodato il governo siriano per la "vigorosa difesa" messa in atto contro i terroristi. "L'Iran - ha detto - mobiliterà tutte le sue risorse per combattere i terroristi che stanno perpetrando crimini contro le nazioni oppresse della regione, al di là delle ridicole definizioni che inquadrano questi terroristi come moderati o semplici estremisti".

Sarebbero circa 150'000 i "volontari" iraniani in Siria, inquadrati in battaglioni e reparti dei Guardiani della Rivoluzione, lo speciale corpo di élite che fa capo alla Guida Suprema Ali Khamenei. Pesante è il bilancio complessivo dei "martiri dei santuari", come vengono chiamati i morti iraniani nella guerra siriana: sarebbero già oltre mille, secondo organizzazioni di volontari sciiti. Solo nel cimitero di Teheran sono centinaia le tombe.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS