Tutte le notizie in breve

Aerei russi effettuano un raid in Siria (foto ministero della difesa russo).

Keystone/AP Russian Defense Ministry Press Service/

(sda-ats)

Almeno tre soldati turchi sono rimasti uccisi e altri undici feriti "accidentalmente" in un raid aereo russo nel nord della Siria, dove i militari di Ankara sono impegnati da fine agosto.

Lo fanno sapere le forze armate turche, precisando che i soldati si trovavano all'interno di un edificio colpito dai bombardamenti dell'aviazione di Mosca.

Secondo il comunicato dell'esercito, il presidente russo Vladimir Putin ha già espresso il suo dispiacere e le condoglianze al suo omologo turco Recep Tayyip Erdogan nel corso di una telefonata oggi pomeriggio.

Il raid, prosegue la nota, è avvenuto alle 8.40 locali di stamani nella zona di al-Bab, roccaforte dell'autoproclamato Stato islamico (Isis) sotto assedio da settimane da parte dell'esercito turco e di milizie locali cooptate da Ankara. Un'indagine sull'episodio è stata avviata separatamente dalle forze armate di Turchia e Russia.

Nel novembre 2015 i rapporti tra i due paesi entrarono in crisi dopo l'abbattimento di un jet russo da parte della Turchia al confine con la Siria. Le relazioni sono poi state ricucite nei mesi scorsi, dopo le scuse rivolte a fine giugno da Erdogan.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve