Navigation

Siria: 462 uccisi da arrivo osservatori Onu

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 aprile 2012 - 19:46
(Keystone-ATS)

Sono 462 i siriani uccisi, tra cui 34 minorenni, dalle forze fedeli al presidente Bashar al Assad da quando dieci giorni è formalmente iniziata la missione degli osservatori Onu. Lo afferma in una email ricevuta dall'ANSA Razan Zaitune, avvocato siriano e membro in clandestinità dei Comitati di coordinamento locali degli attivisti anti-regime.

"I Comitati di coordinamento hanno documentato l'uccisione di 462 persone, di cui 34 minori, martiri della rivoluzione per la dignità", recita il comunicato in arabo e in inglese diffuso questa sera. Attualmente in Siria operano 13 berretti blu delle Nazioni Unite a cui si dovrebbero unire altri 17 nei prossimi giorni. Entro fine giugno, la missione di osservazione dovrebbe raggiungere la quota massima di 300 unità. I Comitati diffondono ogni giorno i bollettini aggiornati e dettagliati delle vittime della repressione, indicando le località dove avvengono i crimini e i link internet ai video amatoriali in cui si mostrano i corpi senza vita dei siriani uccisi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?