Almeno 50 soldati siriani sono stati uccisi, in gran parte giustiziati a sangue freddo, dopo essere stati fatti prigionieri dagli jihadisti dell'Isis (Stato islamico) che avevano teso loro un'imboscata. Lo riferisce l'Osservatorio siriano dei diritti umani.

Secondo quanto si è saputo, quando sono caduti nell'imboscata i soldati dell'esercito regolare di Damasco stavano effettuando un "ripiegamento tattico" da una postazione militare nella provincia settentrionale di Raqqa.

Tutta l'area è da ieri teatro di combattimenti tra governativi e jihadisti di una violenza e un'ampiezza che non ha precedenti.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.