Navigation

Siria: a Onu appello per stop all'escalation

Civili in fuga dalla provincia di Idlib. KEYSTONE/AP/GHAITH AL-SAYED sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 29 febbraio 2020 - 08:26
(Keystone-ATS)

Al Consiglio di Sicurezza dell'Onu diversi Paesi chiedono lo stop all'escalation militare nel nord-ovest della Siria, ma gli Stati Uniti danno l'ok alla Turchia a rispondere secondo il diritto all'autodifesa dopo l'attacco in cui sono rimasti uccisi 33 suoi soldati.

A lanciare l'allarme sugli sviluppi a Idlib è anzitutto il segretario generale Antonio Guterres, per cui si è arrivati ad "uno dei momenti più allarmanti del conflitto" e "senza un'azione urgente il rischio di un'escalation ancora maggiore aumenta di ora in ora": "L'esigenza più urgente è un cessate il fuoco immediato prima che la situazione sia completamente fuori controllo". Prima di prendere parte alla riunione di emergenza dei Quindici, Guterres spiega (senza fornire ulteriori dettagli) che "è in preparazione una missione umanitaria" a Idlib, per valutare la situazione sul terreno.

Intanto i rappresentanti di Belgio, Francia, Germania, Estonia e Polonia, ex ed attuali membri Ue del Consiglio di Sicurezza, avvertono che "l'escalation militare a Idlib, in Siria, deve fermarsi, ora". "Condanniamo l'attacco ai soldati turchi", spiegano, queste azioni "dimostrano che il regime siriano, assistito e sostenuto politicamente dalla Russia, continua la sua strategia militare ad ogni costo". Chiedono poi "la fine della campagna militare di Damasco sostenuta da Mosca" e "appoggiano la richiesta del segretario generale per un cessate il fuoco immediato e un accesso umanitario senza ostacoli".

Anche gli Usa chiedono "un cessate il fuoco immediato e duraturo", ma l'ambasciatrice americana Kelly Craft, condannando l'attacco, dice pure che "la Turchia ha il nostro pieno supporto nel rispondere per autodifesa ad un attacco ingiustificato". Mentre il segretario di stato Mike Pompeo fa sapere che Washington "sta esaminando le opzioni per assistere la Turchia contro questa aggressione".

L'ambasciatore di Ankara all'Onu Feridun H. Sinirlioglu, da parte sua, afferma che il suo Paese "non vuole la guerra, ma non esiterà a usare la forza se e quando la sua sicurezza sarà minacciata" e "qualsiasi provocazione e molestia sarà vendicata con ogni mezzo".

Il collega di Damasco Bashar al Jafaari però "respinge l'affermazione della Turchia secondo cui l'aggressione contro il suo Paese è autodifesa", e il delegato di Mosca, Vassily Nebenzia, precisa che l'incidente non è avvenuto nella postazione di osservazione e le coordinate ricevute da Ankara non menzionavano la posizione dei soldati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.