Navigation

Siria: al-Jazira, piani segreti Assad su repressione

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 marzo 2012 - 17:16
(Keystone-ATS)

L'emittente televisiva araba al-Jazira afferma di aver ottenuto "centinaia di pagine di documenti segreti" che dettagliano i piani del regime di Bashar al-Assad per "reprimere le proteste".

I documenti sono stati consegnati da uno dei funzionari di spicco del governo fuggiti in Turchia. Nei documenti "ci sono le misure decise dal regime per contenere le proteste a Damasco, Aleppo e Idlib", dal finanziamento ai fedelissimi di Assad. Alcuni dei resoconti "minimizzano la situazione" per "far piacere" al presidente.

Intanto I Comitati di coordinamento locali hanno accusato oggi il regime di usare i corpi senza vita di loro compagni arrestati e torturati a morte nelle recenti esplosioni di Damasco e Aleppo mostrandoli come "brandelli delle vittime del terrorismo".

In un comunicato affermano che "la barbarie del regime è arrivata al punto di usare salme decomposte di detenuti politici, morti sotto tortura, nelle esplosioni di Kfar Suse (Damasco) e Aleppo, liberandosi così (delle prove) dei crimini commessi nelle prigioni e barattando la sacralità dei morti nel carosello mediatico".

Secondo i Comitati, le esplosioni che ieri e sabato hanno scosso rispettivamente Aleppo e Damasco e nelle quali secondo il bilancio ufficiale sono morte 29 persone, sono attentati artefatti dalle forze del regime stesso per "diffondere il terrore, liberarsi dei nemici politici e far sapere all'Onu che in Siria la violenza è fuori controllo e nessuno è al sicuro".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?