Navigation

Siria: almeno 14 uccisi oggi, 5 a Damasco

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 febbraio 2012 - 13:55
(Keystone-ATS)

Almeno 14 manifestanti siriani anti-regime sono stati uccisi, secondo attivisti, nella mattinata di oggi dalle forze fedeli al presidente Bashar al Assad in alcune località del Paese dove l'esercito e la sicurezza del regime ha sparato pallottole vere per disperdere i cortei. Cinque morti anche nel centro di Damasco.

Nel venerdì ribattezzato "della resistenza popolare", migliaia di siriani sono tornati in piazza e nelle strade degli epicentri della rivolta, ma anche nei quartieri centrali di Damasco e Aleppo, toccate solo marginalmente dalla rivolta. I Comitati di coordinamento locali degli attivisti anti-regime hanno finora documentato l'uccisione di 14 persone, manifestanti civili raggiunti da colpi di arma da fuoco esplosi dalle forze di sicurezza o dell'esercito.

Nella lista dei Comitati figurano uccisi a Damasco, nel quartiere di Mezze, ad Aleppo, a Dayr az Zor nell'est del Paese, a Yabrud (a nord di Damasco) e a Bab Amro, martoriato quartiere di Homs da due settimane sotto i colpi dell'artiglieria. Le vittime di Bab Amro, secondo gli attivisti, non erano manifestanti ma civili rifugiatisi nelle loro abitazioni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?