Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Uno dei principali gruppi musulmani sciiti ha rapito in Libano più di 20 siriani, sostenendo si tratti di combattenti ribelli, in rappresaglia per il rapimento a Damasco di uno dei loro familiari da parte dell'Esercito libero siriano. Lo ha riferito un membro della famiglia del rapito.

Maher al-Meqdad ha detto che più di 20 siriani, tra cui un tenente che ha disertato l'esercito del presidente Bashar al-Assad per unirsi ai ribelli, sono stati sequestrati durante la notte in Libano. Tra loro anche alcuni uomini che non facevano parte dell'Esercito libero e che sono stati subito liberati. Meqdad ha detto che i rapimenti sono una risposta alla cattura due giorni fa di Hassan al-Meqdad da parte dell'esercito libero siriano secondo cui l'uomo era stato mandato in Siria dagli Hezbollah libanesi, alleati di Assad.

Tra gli uomini rapiti dal gruppo sciita libanese anche un cittadino saudita, ha confermato Hatem al-Meqdad, uno dei fratelli di Hassan al-Meqdad. Proprio oggi l'Arabia Saudita ha invitato i connazionali a lasciare il Libano.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS