Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Amnesty International (AI) accusa i curdi siriani di aver commesso "crimini di guerra", compiendo razzie, sgomberi forzati di civili e demolizioni di abitazioni nel nord e nel nord-est del paese, devastato da quattro anni di guerra civile.

In almeno 14 città amministrate dai curdi siriani - spiega AI - sono state ridotte in macerie abitazioni civili e chi vi alloggiava è stato costretto a fuggire.

"In alcuni casi - afferma Lama Fakih, consgliere di Amnesty - "sono stati dati alle fiamme interi villaggi, che prima erano stati razziati" con pretesti di crearvi basi militari per la battaglia contro lo Stato islamico.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS