Navigation

Siria: aperti i seggi per il referendum sulla nuova costituzione

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 febbraio 2012 - 09:07
(Keystone-ATS)

Si sono aperti stamani in Siria alle 7 ora locale (le 6 in Svizzera) i seggi per il referendum sulla nuova costituzione, che sopprime il monopolio del partito Baath, ma mantiene ampi poteri al presidente. Lo ha reso noto la tv ufficiale.

Più di 14 milioni di elettori siriani sono chiamati alle urne. I ribelli e l'opposizione hanno invitato a boicottare il voto, chiedendo invece la deposizione del presidente-dittatore Bashar al-Assad.

Intanto continuano i bombardamenti ad Homs mentre in altre città della Siria si registrano esplosioni e sparatorie. A Homs - riporta l'Osservatorio siriano dei diritti dell'uomo (OSDH) - diverse granate sono state lanciate nel quartiere Baba Amr, dove sono ancora bloccati anche due giornalisti occidentali feriti, mentre esplosioni hanno scosso la città di Deir Ezzor e scontri con artigliera pesante sono segnalati a Deraa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?