Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La responsabile degli affari umanitari dell'Onu, Valerie Amos, lancia un appello per il cessate il fuoco e per l'accesso umanitario a Moadamiyeh, in Siria.

"Continuo ad essere molto preoccupata per la situazione nel Paese, dove uomini, donne e bambini sono vittime di violenze da tutte le parti del conflitto", afferma Amos. "Per mesi è stato negato l'accesso umanitario a Moadamiyeh, nei sobborghi di Damasco - aggiunge - E anche se domenica scorsa sono state evacuate 3.000 persone, ce ne sono più o meno altrettante ancora bloccate". Amos sottolinea che i rapporti riferiscono di continui bombardamenti e combattimenti nell'area che impediscono le operazioni di soccorso. "Migliaia di famiglie sono intrappolate a Nubil, Zahra, Aleppo, Homs e Hassakeh - continua, ribadendo la necessità che tutte le parti nel conflitto rispettino i loro obblighi ai sensi del diritto internazionale e consentano l'accesso degli operatori umanitari.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS