Navigation

Siria: Assad, liberazione periferia Aleppo è preludio vittoria

Il presidente siriano Bashar al Assad (in una fotografia dello scorso mese di gennaio) si è indirettamente rivolto al suo omologo turco Tayyep Recep Erdogan, che da giorni pronuncia minacce nei confronti di Damasco di fronte all'offensiva russa e governativa siriana contro Idlib. KEYSTONE/AP/Alexei Nikolsky sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 18 febbraio 2020 - 10:36
(Keystone-ATS)

Il presidente siriano Bashar al Assad ha assicurato che l'offensiva nel nordovest del paese prosegue fino alla "liberazione" della roccaforte delle opposizioni armate sostenute dalla Turchia nella regione di Idlib.

In un discorso trasmesso nelle ultime ore dalla televisione di stato siriana, Assad ha commentato la conquista tra domenica e ieri da parte delle forze di Damasco della cintura periferica sudoccidentale di Aleppo.

E si è poi indirettamente rivolto al suo omologo turco Tayyep Recep Erdogan, che da giorni pronuncia minacce nei confronti di Damasco di fronte all'offensiva russa e governativa siriana contro Idlib: "La liberazione prosegue nonostante le urla al vento pronunciate da nord (Turchia)", ha detto il rais apparso in televisione in maniera inedita, con indosso un paio di occhiali.

"Siamo pienamente coscienti che questa liberazione non significa la fine della guerra, né il crollo dei complotti, né la scomparsa del terrorismo (...), ma questa liberazione indica il preludio alla sconfitta totale dei nostri nemici".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.