Navigation

Siria: Assad, sarà 'terremoto' se Occidente interviene

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 ottobre 2011 - 10:18
(Keystone-ATS)

Il presidente siriano, Bashar al Assad, ha avvertito che un'azione dell'Occidente contro la Siria causerebbe un "terremoto" e "metterebbe a fuoco l'intera regione". "Volete vedere un altro Afghanistan, o decine di Afghanistan?", ha chiesto in una intervista concessa al Sunday Telegraph, che la pubblica on line.

I Paesi occidentali, ha affermato Assad, "aumenteranno la pressione", ma "la Siria è completamente diversa da Egitto, Tunisia, Yemen. La storia è diversa, la politica è diversa".

"La Siria - ha aggiunto Assad - è ora il fulcro della regione. È la sua linea di faglia, e se si gioca col terreno si causa un terremoto...". "Qualsiasi problema con la Siria metterà a fuoco l'intera regione. Se il piano è di dividere la Siria, cioè di dividere l'intera regione".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?