Navigation

Siria: assaltata ambasciata di Giordania a Damasco

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 novembre 2011 - 07:46
(Keystone-ATS)

L'ambasciata di Giordania a Damasco è stata presa d'assalto ieri sera da una folla di sostenitori del regime di Bashar al Assad, secondo quanto reso noto dall'agenzia giordana Gerasa, che pubblica anche alcune fotografie dell'accaduto.

I dimostranti sono riusciti ad arrivare fino al cortile interno della sede diplomatica, dove hanno ammainato la bandiera giordana e issato al suo posto - sempre secondo l'agenzia - quella del movimento sciita libanese Hezbollah.

Le forze di sicurezza siriane, intervenute sul posto, hanno impedito alla folla di entrare nei locali dell'edificio.

In un'intervista alla britannica Bbc, il re Abdallah di Giordania ha oggi esortato il presidente siriano a lasciare il potere: "Se Assad ha a cuore l'interesse del suo Paese - ha detto il sovrano, dovrebbe dimettersi".

Sempre oggi, in una conferenza stampa in tv, il ministro degli Esteri siriano Walid Moualem si era scusato per i recenti attacchi a Damasco alle ambasciate di Arabia Saudita, Qatar e Turchia - e ai consolati francese e turco a Latakia -: "Esprimo l'auspicio - ha detto - che questo non si ripeta mai più".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?