Navigation

Siria: attivisti, virus informatico per spiare popolazione

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 febbraio 2012 - 11:40
(Keystone-ATS)

I sostenitori del regime siriano di Bashar al-Assad hanno messo a punto un virus che si installa nei computer di ignari utenti per spiare la popolazione, e in particolare gli oppositori. Lo affermano attivisti siriani citati dalla Cnn.

L'emittente americana ha chiesto una analisi del virus: risulta essere stato effettivamente creato di recente a scopi di cyberspionaggio. Trasmette le informazioni sulle attività dei pc infetti a una azienda governativa a Damasco.

Secondo gli esperti che hanno analizzato il virus per conto della Cnn, i sostenitori di Assad rubano le identità virtuali degli attivisti dell'opposizione, poi abusano della fiducia di altri utenti per diffondere il 'cavallo di Troia', che una volta installatosi su altri computer inizia a trasmettere dati.

Questo tipo di programmi ostili può registrare le attività in webcam, bloccare gli anti-virus, rubare password.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?