Navigation

Siria: attivisti documentano uccisione altre 19 persone

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 aprile 2012 - 17:45
(Keystone-ATS)

Altri 19 siriani uccisi oggi si aggiungono alle 54 vittime cadute ieri sotto i colpi della repressione del regime di Bashar al Assad. Il Centro di documentazione delle violazioni in Siria fornisce un elenco aggiornato e documentato delle vittime odierne: dieci nella regione di Dayz az Zor, quattro tra Arbin e Zamalka, due sobborghi di Damasco, tre a nord di Aleppo e due a Homs.

Tra gli uccisi si contano 18 uomini e una donna (ad Arbin), mentre si contano 16 civili, tutti adulti, e tre militari disertori dell'esercito regolare.

Proseguono intanto a Hama, nel quartiere di Mashaa al Tayar, le operazioni di recupero dei corpi rimasti sotto le macerie del palazzo crollato in seguito al pesante bombardamento d'artiglieria compiuto ieri dalle forze lealista. Finora si contano 16 civili uccisi, tra cui donne e bambini. I media ufficiali attribuiscono invece il massacro a non meglio precisati terroristi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?