Navigation

Siria: carri armati attaccano Homs, martellata Latakia

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 agosto 2011 - 12:28
(Keystone-ATS)

Mentre per il terzo giorno consecutivo la città costiera siriana di Latakia viene bombardata da terra e da mare, i carri armati dell'esercito siriano hanno attaccato la città di Homs, teatro di molte manifestazioni contro il regime negli ultimi mesi, entrando, fra fuoco intenso, in varie località alle sue porte fra cui la cittadina di Hula.

Nella città costiera di Latakia, capoluogo della regione a maggioranza alawita da cui proviene il presidente Bashar El Assad e il suo clan e dove l'offensiva del regime è iniziata venerdì, "si spara su qualunque cosa si muova", ha affermato un residente contattato dalla Bbc.

Fonti d'opposizione dicono che il bombardamento di Latakia da terra e mare - ieri sono intervenute unità da guerra della marina siriana con i loro cannoni - si intensifica e che almeno 27 persone sono morte mentre cercavano di fuggire dal quartiere di Ramel.

Frattanto si è saputo che la Spagna avrebbe proposto in luglio al presidente siriano Bashar El Assad una soluzione negoziata della crisi attraverso una conferenza di pace a Madrid. La Spagna si sarebbe è offerta di accogliere la famiglia del presidente, ha riferito il quotidiano El Pais. La proposta spagnola non ha avuto successo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?