Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il portavoce della Casa Bianca Sean Spicer ha accusato l'ex presidente USA Barack Obama di non aver agito contro il regime di Assad una volta scoperto il suo arsenale chimico.

KEYSTONE/EPA/MICHAEL REYNOLDS

(sda-ats)

La Casa Bianca condanna l'attacco chimico attribuito al regime di Assad definendolo un atto intollerabile e sostenendo che le conseguenze sono imputabili alla precedente amministrazione americana.

"Non fece nulla" dopo che il presidente siriano varcò la cosiddetta "linea rossa" fissata da Obama, ha detto il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, nel suo briefing quotidiano con la stampa.

Ha poi aggiunto che Washington esclude un cambio di regime in Siria, affermando che il governo di Assad è una "realtà politica".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS