Navigation

Siria: Clinton; no armi a opposizione, con loro al Qaeda e Hamas

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 febbraio 2012 - 21:59
(Keystone-ATS)

Hillary CLinton ribadisce la netta contrarietà degli Usa ad armare l'opposizione, anche perché, ha aggiunto, a favore delle forze che combattono contro il regime di Bashar el Assad, si sono espressi sia al Qaeda che Hamas.

Così il segretario di Stato americano alla Cbs: "Noi davvero non sappiamo chi andremo ad armare. Andremo a sostenere al Qaeda in Siria? Hamas appoggia l'opposizione. Arriveremo a sostenere Hamas?", si è chiesta retoricamente Clinton ricordando che Ayman al Zawahiri, l'erede di Osama bin Laden, ha espresso il suo sostegno per i 'ribelli', così come la dirigenza del movimento di resistenza islamico palestinese.

Clinton conferma di "comprendere quanti chiedono che qualcuno faccia qualcosa", ma, ha sottolineato, la Siria "non è la Libia dove a Bengasi avevamo gente che rappresentava l'intera opposizione" contro Muammr Gheddafi. Il capo della diplomazia Usa ha chiarito che funzionari americani hanno preso contatto con esponenti del Consiglio Nazionale Siriano, ma loro non rappresentano tutto il Paese.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?