Navigation

Siria: Cns, Lega araba discuterà sospensione adesione Damasco

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 novembre 2011 - 12:36
(Keystone-ATS)

Alcuni paesi membri della Lega Araba presenteranno domani al Cairo la richiesta per la sospensione dell'adesione della Siria all'organizzazione inter-araba, durante la riunione convocata per decidere i passi dopo il fallimento del piano arabo per metter fine alla repressione in corso. Lo ha detto all'ANSA Burhan Ghalioun, presidente del Consiglio nazionale siriano (Cns), principale piattaforma degli oppositori all'estero che include anche i Comitati di coordinamento degli attivisti anti-regime in patria.

"Abbiamo avuto rassicurazioni da rappresentanti di alcuni paesi membri della Lega Araba che domani presenteranno la richiesta per il congelamento dell'adesione siriana", ha detto Ghalioun a margine di una conferenza tenutasi alla Camera dei Deputati di Roma. "Un'altra misura che sarà discussa ufficialmente al Cairo domani - ha aggiunto Ghalioun - è il ritiro di ambasciatori arabi da Damasco. Molti paesi membri ci hanno fornito assicurazioni in tal senso".

Ghalioun ha anche lanciato un appello: "l'Europa deve cessare ogni contatto con il regime siriano e ritirare tutti gli ambasciatori". "L'Europa fino a oggi non ha preso altre misure se non le sanzioni, che sono importanti, ma che non hanno dato grandi risultati".

"Il popolo siriano conta molto su questa pressione politica e giuridica internazionale", ha aggiunto Ghalioun, invitando inoltre l'Europa a chiedere al regime di Bashar al-Assad "l'accesso immediato nel paese di tutte le organizzazioni umanitarie e alla stampa libera".

L'obiettivo del Cns, ha proseguito, è "chiedere che questo regime lasci il potere e la creazione di uno Stato democratico, laico e pluralista, che comprenda le diverse comunità etniche e religiose. Questo è fondamentale". "A lungo - ha sottolineato Ghalioun - l'opposizione è rimasta divisa, da un mese siamo riusciti a unificarla con questi obiettivi".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?