Navigation

Siria: esercito, sì a tregua ma diritto risposta

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 ottobre 2012 - 18:17
(Keystone-ATS)

L'esercito siriano ha annunciato che a partire da domattina interrompe le operazioni militari nei tre giorni di festa del Sacrificio ma che si riserva il diritto di rispondere. Lo riferisce la tv di Stato siriana con una scritta in sovrimpressione.

Nel comunicato dell'esercito governativo, diffuso dalla tv di Stato, si precisa che la tregua sarà di tre giorni: da domattina fino a lunedì mattina, ma non si precisa l'orario in cui entrerà in vigore e quello in cui cesserà. "Le forze armate si riservano il diritto di rispondere agli attacchi", si afferma comunque nel comunicato dell'esercito governativo siriano.

Intanto, dal ministero degli esteri russo giungono accuse secondo cui gli Stati Uniti coordinano e procurano assistenza logistica alla consegna di armi ai ribelli siriani. Washington assicura però di non fornire aiuti militari alla ribellione.

"È pubblicamente noto che Washington sia al corrente della consegna di diversi tipi di armi a gruppi armati illegali, che agiscono sul territorio siriano. Inoltre, gli Stati Uniti forniscono il coordinamento e assistenza logistica a queste consegne", si legge in un comunicato di Mosca.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?